See you on FaceBook Subscribe

Manda il tuo raggio

Spettacolo itinerante da documenti medievali

Violenza, rito, messaggio, lavoro e guerra: questi sono i temi presenti nella preparazione e il montaggio dello spettacolo.

L’introduzione – Si prepara emozionalmente la popolazione e lo spettatore attraverso segni sonori (i corni) e visivi (le ombre), presentando due componenti fondamentali: il bianco, simbolo espressivo e il nero, simbolo di inibizione, la cui contrapposizione ha segnato molti eventi.

Lo spettacolo – Si inizia con tutta una serie di situazioni che sono tipiche del lavoro inteso come

energia positiva. Il bianco, la semina, gli incontri, le nuove teorie, le donne, l’innocenza, la vulnerabilità. Il ferro, materiale importante per lo sviluppo economico, ma nel Medioevo anche strumento di violenza, guerra e sangue: compaiono le armi e le catene. Con l’ingresso in scena di quattro personaggi incatenati tra loro si mettono in evidenza esempi di trasgressione alla morale allora vigente.

Lo spettacolo diventa itinerante invitando il pubblico a seguire il cammino dei condannati: l’eretica,

il sodomita, l’alchimista, la strega, che li porterà al rogo purificatore. Durante il percorso gli incatenati avranno la possibilità di lanciate per un’ultima volta il loro messaggio ed esprimere il proprio dramma personale, in modo tale che il pubblico (popolo) li possa riconoscere e/o giudicare.

Dopo aver ascoltato la sentenza il fuoco brucia la persona ed insieme il suo pensiero; con esso scompare ciò che viene considerato pericoloso. La cenere cancella tutto e conseguenza di ciò è la nuova tradizione religiosa; gli abiti sono di vari colori. Non esiste più una contrapposizione definita. VIDEO GALLERY

LABORATORI
SILENCE Teatro
CONTATTI



Copyright SILENCE Teatro © 2008-2017. All Rights Reserved. Powered by tetragono.com.
Torna in cima