See you on FaceBook Subscribe

Voci Straniere

Voci Straniere

Lo spettacolo “Voci Straniere” rappresenta una tappa di un lavoro che ha per tema il viaggio ed i tanti modi di essere viaggiatori: nella vita e sulla scena.

Come già succedeva nel XIX secolo per molti popoli dell’Europa in cerca di fortuna in America, ancora oggi esiste una moltitudine di persone costrette ad abbandonare la terra dove sono nate e cresciute. Milioni di storie identiche e diverse: uomini, donne, bambini cacciati via dalla loro terra dall’intolleranza o dalla miseria; dall’oppressione politica, razziale, religiosa o dalle guerre sempre d’attualità.

Popoli che lasciano tutto e si ritrovano ad approdare in posti che ci riportano all’Ellis Island descritta da Georges Perec: “Il luogo dell’assenza di luogo, il non luogo, il da nessuna parte”.

Luoghi dove le genti non trovano affatto segnali, radici o tracce, ma qualcosa che si protebbe chiamare reclusione, scissione o frattura.

Sedici milioni di emigranti sono passati per Ellis Island tra il 1892 e il 1914. Oggi i Boat People continuano a vagare in cerca di rifugi sempre più improbabili; ma lo “straniero” in una nuova terra vuole ritrovare qualcosa che gli appartiene, una traccia della sua storia. Un’insieme di usanze, gesti, riti da condividere al di là delle frontiere. Frammenti di memoria, parole che ritornano, ricordi di ninnananne, modi di mangiare, ballare, cantare; fotografie religiosamente conservate. Condividere quelle cose diventate radici minacciate dal tempo e dagli uomini. Segni di appartenenza sui quali si fonda il suo radicamento nella Storia, sui quali si plasma la sua identità.

Cioè quello che fa si che lui sia lui e nello stesso tempo identico all’altro.

Voci Straniere è dedicato a tutte le storie di erranza e di speranza di questo nostro terzo millennio. VIDEO GALLERY

LABORATORI
SILENCE Teatro
CONTATTI



Copyright SILENCE Teatro © 2008-2017. All Rights Reserved. Powered by tetragono.com.
Torna in cima